Il mese di ottobre farebbe venire voglia di leggere a chiunque, anche a chi non si è mai spinto oltre al libretto d’istruzioni della lavatrice o all’oroscopo in fondo al quotidiano.
Personalmente non smetto mai di leggere, ma devo ammettere che questa è proprio la stagione in cui non farei altro.

Rannicchiarsi su una poltrona, preparare un tè caldo (sì, lo so, sono fissata) e immergersi in un romanzo è ciò che di più piacevole potrei immaginare per passare le mie ore libere.

Che sia così anche per voi o che diventiate lettori voraci solo una volta l’anno, eccovi cinque libri che si sintonizzano alla perfezione sulle frequenze di ottobre.

{Vi racconterò poco e niente sulle trame perché quelle le trovate stampate sulle quarte di copertina, ma vi svelo che il filo conduttore è (potrei dire ovviamente) il mistero.}

1. Dio di illusioni, Donna Tartt.
Io e la mia amica Stefania di Wanderfuss ne abbiamo parlato tanto, così tanto che lei ha finito per regalarmelo.
Lo sto leggendo adesso, quindi la mia opinione non è ancora definitiva, ma posso assicurarvi che la sola ambientazione basterebbe a renderlo un buon libro.
Un college piccolo e raffinato nel Vermont (oh mio Dio, il Vermont! ❤️), un gruppo di studenti eletti e un intricato gioco che si tinge di scuro.
In questo caso al posto del tè meglio un bicchiere di Bourbon, perché la storia è comunque abbastanza forte.

2. Congetture su April, John Banville
A tratti un po’ confusionario, ricco di personaggi talvolta non approfonditi abbastanza, ma sincero fino alla fine.
Questa rara qualità mi ha fatto apprezzare il terzo romanzo della serie di Banville con protagonista l’anatomopatologo Quirke, quintessenza dell’eroe noir.
L’ambientazione nella Dublino degli anni Cinquanta a mio parere risulta un po’ forzata, ma è forse proprio questa a permettere alla storia di diventare interessante sia dal punto di vista narrativo che sociologico.

3. L’uso sapiente delle buone maniere, Alexander McCall Smith
Quanto mi è piaciuto questo romanzo, quanto mi piace la scrittura discreta, delicata ma efficace di McCall Smith!
Qui la sua Isabel Dalhousie, filosofa e investigatrice, si trova alle prese con un dilemma che riguarda il mondo dell’arte.
Leggera, ma mai superficiale, la trama fila liscia fino allo svolgimento finale.
Io ve lo consiglio assolutamente.

4. Il mistero di Rue des Saints-Pères, Claude Izner
Ho acquistato e letto questo romanzo quando vivevo a Parigi nel quartiere di Saint-Germain-des-Près, proprio a poche decine di metri dalla via del titolo.
L’ho letto prima in francese, poi pure in italiano (sia mai che mi fossi persa qualche dettaglio nella traduzione) e l’ho apprezzato moltissimo per la sua capacità di trasportare il lettore nella Ville Lumière della fine del XIX secolo, tra Exposition Universelle, librerie vivaci e misteri difficili da risolvere.

5. La ragazza del treno, Paula Hawkins
In caso vi fosse sfuggito il fenomeno letterario del 2015, questa è la giusta occasione per rimediare. Un romanzo coinvolgente, in alcuni punti un po’ acerbo, ma toccante e intimistico.
Tra l’altro il film uscirà il 7 ottobre nelle sale americane quindi vi suggerirei di non farvi trovare impreparati.
(Ringrazio la mia assistente/cugina/sorella del cuore Margherita per avere insistito affinché lo leggessi).

(Ph Sara Ottavia Carolei/Style Behind)

One thought on “Cinque libri da leggere questo mese

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...