Non c’è frase che io trovi più irritante di “la vita non è un film”.
Bene, grazie. Lo so che non c’è Woody Allen dietro la macchina da presa a urlare “Ciak si gira!” la mattina quando mi alzo dal letto.

So anche che non vincerò mai un Oscar per le mie scene drammatiche quando perdo la mia cuffia preferita, quando litigo con il mio fidanzato o quando qualcosa va storto sul lavoro.

Sono persino consapevole del fatto che non ci sia nessun direttore della fotografia a scegliere luci che facciano risultare migliore il mio incarnato e più affascinanti le passeggiate alle 7 del mattino con Smilla.

Detto questo, la vita è un film del quale io sono sceneggiatrice, regista, attrice protagonista, ma anche costumista e makeup artist.
Ecco.

E scelgo io di renderla un mix perfetto tra una pellicola di Wes Anderson e un capitolo della saga di Harry Potter.

Perciò non venitemi a scocciare se mi va di trasformare la tappa quotidiana in posta in una scena da Hogwarts o la cena della sera nel romantico e buffo epilogo di una commedia strampalata.

Questo è il mio film e per quanto la trama talvolta faccia acqua da tutte le parti, io amo viverlo come tale.

Vi elenco quindi una serie di gesti quotidiani che mi fanno credere di vivere dentro a un film (alternativamente commedia, fantasy, romantico, thriller, noir, horror…) che potete liberamente prendere in prestito.

Girare per la strada con la musica alta nelle cuffie e un termos di Starbucks pieno di caffè, sorridendo a chiunque come se dopo anni di guerra il mio promesso sposo fosse tornato in patria sano e salvo.

Ballare e cantare in pigiama sulle note di “Ain’t no Mountain High Enough” mentre preparo la colazione.

– Riguardare vecchie fotografie seduta per terra con un plaid in lana sulle spalle, con aria profondamente malinconica.

Correre per arrivare in aeroporto, come se stessi andando a dire all’amore della mia vita di non partire per una missione di cinque anni in Antartide.

Fermarmi a osservare gli uccelli che volano nel cielo con fare sognante mentre sono a passeggio con il cane al parco.

Sdraiarmi sul letto a pancia in giù e parlare al telefono per ore con la mia migliore amica mentre mi dipingo le unghie di rosa.

Alzarmi dal letto nel cuore della notte solo per scrivere sul mio diario segreto.

– Provare abbinamenti ridicoli e sfilare per casa.

– Fare un bagno caldo circondata da candele, facendomi poi cogliere dal terrore di veder apparire un serial killer sulla porta all’improvviso.

Scambiare la donna che fa le pulizie sulle scale del mio condominio per una mandata da un’altra dimensione per dirmi che io sono l’eletta.

Camminare di notte con il cappello a tesa larga calato sugli occhi e l’aria della femme fatale misteriosa di un noir.

Aiutare le mie amiche a indagare su qualcuno riempiendo schemi e tracciando linee come se fossimo alla ricerca di una spia russa infiltrata nella CIA.

Starmene da sola a fantasticare guardando fuori della finestra mentre stringo tra le mani una tazza di bollente.

Voilà! Che ne dite?
Forse non camminerò mai sul tapis rouge di Cannes, ma sicuramente potrò dire di essermi divertita e di aver tentato in tutti i modi di fare di ogni momento, una scena che valga davvero la pena di essere vissuta.

(Cover photo, Sara Ottavia Carolei/ Style Behind)

2 replies on “Gesti quotidiani che ti fanno credere di vivere in un film

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...