Se c’è qualcuno tra voi che lavora in proprio, saprà già quello che sto per dire: c’è più mistero attorno alla figura del libero professionista rispetto a quanto ce ne sia attorno a quella degli astronauti della NASA o degli impiegati della CIA.

Non so voi, ma io ho calcolato che statisticamente almeno una volta al giorno mi arrivano domande strane su quello che faccio nella vita.

Da chi alla domanda “di cosa ti occupi?” e alla mia successiva risposta “scrivo e faccio illustrazioni” ribatte con un “e invece, di lavoro cosa fai?”, fino a quelli che sono fermamente convinti che io passi le mie giornate in pigiama scribacchiando sul portatile mentre mangio patatine.
Da quelli che pensano che io guadagni più di un ministro, a chi sostiene fermamente che non si può dire davvero di lavorare se a fine mese non si riceve una busta paga.

All’inizio, quando ho lasciato Parigi e sono rientrata in Italia con il progetto di creare qualcosa di mio, ero piuttosto infastidita da tutta questa bizzarra e morbosa curiosità.

Con il tempo e un po’ di sicurezza in più, ho imparato a riderci sopra, a dare risposte brevi, concise e sempre uguali e a fare spallucce quando arrivano fastidiose frecciatine.

Detto ciò, per quanto a volte anche io desidererei avere entrate fisse e stabili, non potrei essere più fiera e felice della mia scelta folle.

Per questo mi è venuta voglia di raccontarvi una volta per tutte e nel dettaglio, come si svolge la mia giornata da freelance.

Ecco qui, pronti?

7 del mattino: Suona la sveglia, bevo acqua calda con il limone, dò da mangiare a Smilla e Teodora, faccio stretching e qualche esercizio di yoga.

7:30 del mattino: Faccio colazione, spesso con il mio fidanzato.
Poi mi faccio una doccia veloce, mi vesto e dò una sistemata a casa.
Non sono una maniaca dell’ordine e della pulizia, ma se intorno a me c’è confusione non riesco a lavorare e visto che la mia casa è anche il mio ufficio

8 del mattino: Porto a spasso Smilla, compro il giornale, respiro un po’ di aria fresca.

8:30 del mattino: Controllo la mia agenda, rispondo alle mail, accendo Radio 3 per ascoltare le notizie.

9:00 del mattino: Comincio sempre da Style Behind: scrivo dai due ai quattro articoli, dipende dalla lunghezza e dal materiale che mi serve (immagini da richiedere agli uffici stampa, foto da scattare, illustrazioni da creare).
Ogni mese preparo il calendario editoriale per quello successivo, in modo che gli articoli siano più organizzati ed eterogenei.
Aspetto che il pezzo quotidiano programmato per le dieci vada online, poi lo condivido sui social (Facebook e Twitter, occasionalmente anche Pinterest e Instagram) e seguo il suo andamento e le statistiche di visualizzazioni.
Quando ho fatto, torno a lavorare agli articoli che pubblicherò nei giorni successivi.

11:30 del mattino: Faccio una piccola pausa.
Una volta era una sigaretta fumata sul terrazzo, ma adesso che ho smesso di fumare (clap clap) preparo giusto una tazza gigante e fumante di caffè americano, spesso spolverato con la cannella (che tra l’altro pare sia uno stimolante della creatività!)

11:35 del mattino: Passo a Bibiduni.
Controllo gli ordini (le spedizioni cerco di farle tutte assieme in un’unica giornata), leggo le mail e mi dò un’occhiata attorno per vedere cosa c’è di nuovo nel mondo delle illustrazioni e del fatto a mano.

12:30 Pranzo, finalmente.
Sono una che mangerebbe ininterrottamente, soprattutto durante le prime ore della giornata, perciò quando arrivo a mezzogiorno già comincio a sentire lo stomaco che grida vendetta.
A volte per distrarmi telefono a un’amica o a mia madre, ma di solito mi piace passare la mia pausa pranzo leggendo un libro o guardando un episodio di una qualche serie TV, che può andare da Friends a Gilmore Girls, da Streghe a Buffy (attualmente Buffy).

1:30 del pomeriggio: Riprendo a lavorare, ma questa volta si passa alle questioni pratiche di Bibiduni: foto da fare agli oggetti per lo shop, catalogazioni e imballaggi.
In caso di commissioni extra, mi occupo di quelle.

2:30 del pomeriggio: Se non ho appuntamenti, giri da fare per rifornimenti di materiali, passaggi in tipografia ecc, mi concentro sull’aspetto puramente creativo di Bibiduni.
Musica alta, magari un bel film o ancora una serie TV non impegnativa in sottofondo e via.
Mi sposto dalla scrivania al tavolo del salotto (quando avrò uno studio tutto mio la prima cosa che farò sarà adibire ogni tavolo a una diversa attività) e lavoro ininterrottamente per circa due ore.

4:30 del pomeriggio: Piccola passeggiata del pomeriggio con Smilla; a quest’ora ne approfitto anche per sbrigare qualche commissione nella quale lei mi possa accompagnare.
Nel mio quartiere sono tutti molto dog friendly, perciò non ho mai particolari problemi.
Sotto questo aspetto invece vivere a Parigi con un cane era un vero incubo!

5:00 del pomeriggio: Concludo i lavori di Bibiduni, poi curo la parte Web aggiornando i Social e tenendo d’occhio la mia pagina Etsy.

6:00 del pomeriggio: Sistemo la zona di lavoro e passo a un progetto di scrittura ancora top secret al quale sto lavorando (vi avevo già accennato qualcosa qui e qui).

7:00 del pomeriggio: Fine ufficiale della giornata di lavoro, quando ho impegni per la sera.
Se invece sono sola, vado avanti ancora un po’ poi mi preparo qualcosa da mangiare e continuo a scrivere fino a che la testa non mi crolla sulla tastiera del computer oppure a riempire le pagine del mio diario con parole e disegni.
Questo perché in effetti non sento di avere bisogno di vero tempo libero; visto che tutto il mio tempo lo impiegherei a fare quello che faccio.

Ecco qui, dunque.
Spero di aver soddisfatto una volta per tutte le curiosità, anche se so che ogni giorno nascono almeno dieci nuove leggende sui freelance.

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...