Fantaṡìa s. f. [dal lat. phantasĭa, gr. ϕαντασία, der. di ϕαίνω «mostrare»]. – 1. a. Facoltà della mente umana di creare immagini, di rappresentarsi cose e fatti corrispondenti o no a una realtà.

Se esiste una sola parola altrettanto bella ed evocativa di “fantasia”quella allora è “primavera”.
E marzo, mese altalenante e folle, è il momento di entrambe.

L’equinozio che quest’anno cade il 20 è anticipato da un vortice sottile eppure persistente che si avverte ovunque.
Abbiamo bisogno di sgelare, di nascondere i cappotti dove non si vedano più, di scuotere i capelli ridendo mentre beviamo un frizzantino sedute ai tavolini di una piazza, di abbracciare i colori, di nutrirci di chili, chili, chili di fantasia.

La fantasia è come l’energia: non si crea, non si distrugge.
Circola e si alimenta di stessa, di sguardi aperti, di prese di coraggio, di audacia.

Non sopravvive dove ci sono pregiudizi, paure e ansie da prestazione.
Non sopravvive sotto al terrore dell’opinione altrui.

Deve essere lasciata libera anche quando sembra che non stia andando da nessuna parte.

Esattamente come la primavera.

Per voi, per me, un marzo fichissimo e nuovo.
Come non l’abbiamo mai visto prima.

🌳🌸☀

(Cover image – Sara Ottavia Carolei)

 

Una risposta a "Marzo: primavera e chili, chili, chili di fantasia"

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.