Regole pratiche e molto utili per andare alla ricerca di ispirazione

Scroll down to content

Quanto spesso parlo di “ispirazione”?
Forse troppo, ma mai abbastanza. Una volta ricordo di avervi raccontato di come organizzo e catalogo l’ispirazione raccolta, un’altra ancora mi sono interrogata insieme a voi sulla sua origine.
Oggi, invece, mi va di condividere alcune regole pratiche e molto utili per andarne alla ricerca.

1. Siate coraggiosi.
In questo post su Instagram la settimana scorsa ho raccontato una storiella (vera) che mi è successa durante una delle mie missioniispirazione.
La morale della storiella è: siate coraggiosi.
Fregatevene se tutti intorno a voi si mettono a guardarvi storto perché fotografate il decoro di una mattonella in un bar, se il vicino di posto in metro sbircia nel vostro sketchbook, se ogni tanto vi astraete dalla realtà per fissare nella testa un’immagine vista di sfuggita o una frase origliata per caso.
La cosa più importante è cristallizzare quell’idea, annotare quel pensiero, conservare quello spunto.
L’ispirazione, cari miei, non è una musa dai capelli luminosi che vi si siede a fianco mentre lavorate.
L’ispirazione può arrivare o essere cercata, ma di sicuro ha bisogno di essere catturata subito e custodita con cura.

2. Focalizzatevi, ma lasciatevi sorprendere.
Esempio: devo fare un’illustrazione tema vecchie insegne.
Allora scelgo un quartiere dove so che potrei trovarne tante, mi armo di iPhone e taccuino e parto.
Comincio a fotografare, fare schizzi, osservare i dettagli.
Se però nel percorso trovo un meraviglioso interno straripante di edera che faccio, me lo lascio scappare?
Ovvio che no.

3. Guardatevi alle spalle.
Cercate nei vostri ricordi, spulciate foto che avete scattato in tempi non sospetti, scorrete il vostro feed di Instagram fino al 2012, rileggete vecchi diari.
Spesso, e lo dico per esperienza, l’ispirazione migliore viene da un bagaglio personale dimenticato in soffitta.

4. Tuffatevi nel passato.
Non nel vostro, questa volta, ma in quello di chi è venuto prima di voi.
E non fermatevi ad artisti o autori che trovate affini, perché quelli che danno di più possono essere quelli più diversi da voi.
La settimana scorsa, per esempio, ho raccolto una marea di idee sfogliando una vecchia edizione di Alice nel Paese delle Meraviglie che non è nemmeno tra le mie storie preferite.

5. Giratevi attorno.
Tenetevi super aggiornati su quello che accade nel qui ed ora.
Chi fa cosa? Come lo fa? Che cosa racconta? A chi lo racconta?
Cercate di capire come ragionano, cercano e lavorano gli altri.
Mica per scopiazzare, ragazzi, solo per capire.

6. Osservate i dettagli.
Tutti.
Come cade una tenda di velluto, come arriccia il naso il portiere, come tiene in mano la tazza di caffè il barista, come spicca il verde delle foglie degli alberi contro la facciata rosa del palazzo di fronte.
Dicono che il diavolo si nasconda nei dettagli, ma non ho mai ben capito cosa significhi.
Io nei dettagli ci vedo un universo di possibilità.

7. Siate aperti di mente.
Non snobbate niente, nessuno, nessuna cosa.
Qualsiasi momento o immagine può diventare una grande idea.

☺🌿🐝

(Cover image – Sara Ottavia Carolei/Instagram)

3 Replies to “Regole pratiche e molto utili per andare alla ricerca di ispirazione”

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: