Voi non avete idea di quanto tempo io abbia speso cercando di trovare una formula giusta per comunicare alle persone cosa faccio nella vita.
Dopo secoli passati ad arrovellarmi alla fine ci sono riuscita e così ho realizzato quanto sia importante capire come raccontare il tuo lavoro. 

Se mettessi in fila tutte le versioni dei miei biglietti da visita creati dalla laurea a oggi pensereste che si tratti di persone diverse, non fosse per il nome, e questo perché ho avuto le idee piuttosto confuse per un sacco di anni.
Non tanto su chi fossi professionalmente, quanto sul modo di descriverlo.

Giornalista? No, non sono neanche iscritta all’albo, con i magazine collaboro da esterna e di rado parlo di qualcosa di super attuale. 

Blogger? Senza offesa, ma manco per idea. Tengo un blog, certo, ma non è tutto quello che sono. 

Scrittrice? Ecco, . Perché essere scrittori significa scrivere e scrivere è quello che faccio.
Non ho dieci bestseller in bella vista da Barnes & Noble (almeno non ancora ahah 😉), ma mi sento una scrittrice.
Scrittrice mi descrive, mi corrisponde, mi si appiccica addosso come un abito disegnato su misura. 

E veniamo al disegno, appunto. 

Qui è stato più semplice. A scrittrice ho aggiunto illustratrice et voilà, mi sono sentita io.
Giusta, completa, ben descritta. 

Può sembrare una sciocchezza, lo so, sento le vostre voci che dicono “ma questa è suonata, ci ha messo anni per scrivere sui biglietti da visita scrittrice e illustratrice!”

E invece no, amici miei, non è affatto una sciocchezza. 

Se il vostro lavoro non è categorizzabile con facilità è molto dura trovare qualcosa di semplice e immediato che lo descriva, che sia in qualche modo “evocativo”, che non tralasci niente senza essere però ridondante. 

Ma non è finita qui, perché la formula che troverete per raccontare il vostro lavoro andrà studiata anche per essere espressa a voce a chi incontrerete e tale formula dovrà essere chiarissima e universale, adatta alle orecchie di un potenziale cliente, di un potenziale boss, di un potenziale collaboratore, della portinaia, del cassiere del supermercato, del vicino di posto in aereo, di un bambino di otto anni. 

E deve prevedere anche una piccola collezione di tagline confezionate ad hoc come quelle dei film. 

Esempio, esempietto.  

Potenziale cliente: “Di cosa si occupa?”
Io: “Sono scrittrice e illustratrice”
Potenziale cliente: “Per chi lavora?”
Io: “Lavoro in freelance, collaboro con magazine e agenzie, tengo un blog e ho uno shop online.”

Esempio, esempietto 2.

Portinaia: “Che lavoro fai?”
Io: “Sono scrittrice e illustratrice”
Portinaia: “Ah. Cioè?”
Io: “Scrivo articoli, racconti e sto scrivendo un libro. E in più disegno.”

Spesso non bastano neanche queste tagline, ma non è che posso starvi a raccontare nei dettagli cosa dico alla gente ogni volta, anche perché nonostante mi sia creata uno schemino non sono poi un robot e (udite, udite) ho anche la capacità di improvvisare. 

Comunque credo abbiate afferrato il concetto. 

🌸Trovate una FORMULA che racconti il vostro lavoro.
🌸Imparate a ESPRIMERLA sia per iscritto che ad altavoce.
🌸Studiate una TAGLINE che spieghi meglio cosa fate. 

Questo, come avrete capito, serve non solo a farvi raggiungere più persone, ma anche a darvi quella consapevolezza che vi fa sentire sicuri di voi e vi permette di avanzare a testa alta. 

Non si tratta di etichette, si tratta di semplice e pura comunicazione. 

Altro consiglio: cercate di non essere troppo troppo dettagliati.
Se vi definite, che ne so, “abstract painter” e poi un giorno decidete di cominciare a dipingere anche volti umani e zampe di gatti sarà dura chiarire le idee alle persone.
Mantenetevi sul “painter” e lasciate scoprano chi siete indagando più a fondo.
È una mossa furba che vi dà modo di ampliare gli orizzonti quando e come volete.

💭👋🏻😊


(Cover image – Sara Ottavia Carolei)

SalvaSalva

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.