Non solo è tornato il mio moodboard Teenspiration, ma è tornato per una ragione bomba: sto lavorando a un nuovo libro Young Adult e in questo momento sono alla fase primordiale ovvero la ricerca di ispirazione. 

Che fine ha fatto l’altro?
Beh, dopo le piccole angosce delle quali vi parlavo QUI, ho fatto giganteschi progressi e ora posso davvero dire che è finito. Concluso, rivisto, pronto.
Ha superato sette editing e adesso aspetta solo di farsi ribaltare, tagliuzzare, spremere, rovesciare, ricomporre dalle mani sapienti di qualcuno che non sia io (leggi: un editor). 

Di recente ho riletto Big Magic di Elizabeth Gilbert e la parte che questa volta mi ha colpita di più è stata quella che riguarda il considerare il proprio libro come un figlio e di conseguenza volerlo proteggere dal mondo, avere il terrore che possa farsi del male, esserne gelosi fino all’ossessione. 

Per me è stato esattamente così fino all’ultimo editing quando, con mia grandissima sorpresa, mi sono ritrovata a dire al mio romanzo: “okay, adesso amore mio voglio che tu sia libero di vivere la tua vita. 

Ed è stato liberatorio oltre ogni possibile immaginazione.
Perché, insomma, non l’ho scritto solo per il mio piacere personale.
L’ho scritto perché lo leggiate, l’ho scritto per vederlo su uno scaffale con il nome di una casa editrice rispettabile e il mio stampati sopra alla copertina.
L’ho scritto perché conosciate i personaggi, giriate per la città americana che ho inventato studiandola nei più microscopici dettagli, perché esclamiateoh!” quando vi imbatterete in un colpo di scena.

E adesso lui, il mio romanzo, ha tutto per potere essere revisionato da un professionista dell’editoria.
Ha la sua dignità di manoscritto concepito con impegno, scritto con attenzione, confezionato con cura.
Ha le sue ali per volare verso un nido nel quale gli lisceranno le giovani penne e le cospargeranno di glitter. 

Così intanto che lo lascio un po’ decantare e scelgo da chi precisamente farmi aiutare, mi sento libera anche io di incanalare le energie e di mettere in scena un’altra storia.
Con tutte le nuove cose che ho imparato scrivendo l’altro, con i progressi che ho fatto in questo tempo, con le ispirazioni e le idee e le nozioni apprese.

Noterete una differenza lieve, ma sostanziale tra questo Teenspiration VIII e i precedenti: è dovuta al fatto, appunto, che funge da moodboard per una storia, dei personaggi e una trama sempre teen, ma molto diversi. 

Ah, un’altra cosa: questa volta DAVVERO vi porterò con me step by step.
Perché adesso ho imparato la gioia di condividere senza paure, né gelosie.
E perché mi fido delle vostre good vibes. 

💻☕📚

(Cover image – Sara Ottavia Carolei)

SalvaSalva

2 Replies to “Teenspiration, VIII”

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: