Allora, ieri vi ho raccontato delle mie super mega gigantesche abnormi pulizie di inizio estate, vi ho detto che hanno coinvolto anche i social e soprattutto Instagram. 

Oggi ci tengo ad approfittarne per raccontarvi i miei segreti di Instagram e darvi qualche consiglio su come usarlo alla grande (sul come non farvi usare da Instagram invece ve ne ho già dati QUI). 

Per prima cosa lasciatemi specificare, se ce ne fosse bisogno, che NON sono una community manager, un’espertona di social network, niente di tutto ciò. 

Sono solo una che usa Instagram da un pochino (e che l’ha usato anche per alcuni dei magazine con i quali ha lavorato, soprattutto Jalouse e L’Officiel Paris) e che quindi nel tempo ha imparato e sperimentato cose. E oggi condividerò i miei segreti di Instagram in simpatico ordine sparso, tipo stream of consciousness.
Tipo come se fossi sotto ipnosi e rivelassi tutto

– Se usi Instagram per lavoro (intendo come vetrina, come social connesso alla tua attività qualsiasi essa sia) TI PREGO, TI SUPPLICO metti il tuo profilo PUBBLICO.
I profili privati, mi spiace dirlo, fanno antipatia.
Cioè Instagram non è Facebook my darling, qui ci dovremmo ritrovare per ispirare e farci ispirare e se le tue foto sono così intime da meritare un lucchetto allora tienile direttamente per te. 

– Il tema è essenziale, ma lascia che sia ampio così non ti annoierai e non annoierai.
Esempio: se sul tuo Instagram si parla di cucina, benissimo, solo evita di postare unicamente foto di piatti.
Intervallale a foto di mercati della frutta e della verdura dove vai a fare la spesa, di un cibo che hai assaggiato a Marrakesh e ti ha ispirata, di un panino perfetto che la tua BFF ti ha preparato per farti riprendere dall’hangover.
Mantieni il tuo tema, ma senza che diventi didascalico. 

Studiati una palette di base alla quale attenerti.
Molti suggeriscono che si stia tra i tre e i cinque colori base.
Sono d’accordo sui cinque, non sui tre. Tre diventano soffocanti, limitanti
Scegli cinque tonalità e fai in modo che tutte le tue immagini, una dopo l’altra, siano in piacevole accordo cromatico. 

Pubblica con costanza.
Tre post al giorno, ma anche quattro o cinque se quel giorno sei stato in un posto meraviglioso.
Il massimo di scarto temporale tra un post e il successivo è di un giorno.
Mai più di un giorno. Altrimenti un potenziale nuovo follower potrebbe pensare che il tuo profilo sia pigrone. 

Per amore dell’estetica, fai foto piacevoli.
Ormai è possibile anche con il più scarso dei cellulari, quindi zero scuse.
Inquadra il soggetto, scatta alla luce naturale (se vuoi fare foto di sera studia le fonti di luce e la loro provenienza e focalizza su queste), fai in modo che il soggetto della foto sia protagonista e che sia in armonia con il resto.
Se la foto non ti convince al 100% lascia perdere.
Molto meglio un piccolo vuoto temporale su Instagram che occupare spazio con una foto bruttina. 

– Mai e dico MAI usare i filtri interni di Instagram.
O peggio, pubblicare foto senza filtro per poi addirittura vantartene con il trisistissimo hashtag #nofilter.
Su Instagram vogliamo sognare!
In questo articolo su Gioia! ho suggerito alcune app ottime per la modifica foto.
Sono gratis: scaricale, sperimentale, impara a usarle al loro massimo. 

– Resta fedele a un filtro o a un mix di filtri creato da te.
Fai in modo che la “patina” sulle tue foto di Instagram sia sempre la stessa. 

Alterna.
Tre foto di fila di spiagge: NO.
Una foto di spiaggia, una di una bowl di sushi hawaiano, una di una conchiglia tra le tue mani: .
Così fai sognare, condividi attimi, fai storytelling. 

Scrivi delle belle didascalie.
In italiano grammaticalmente e sintatticamente corretto o in qualsiasi lingua basta che sia grammaticalmente sintatticamente corretta.
Usa il tuo stile di comunicazione: può essere ironico, smielato, descrittivo, narrativoL’unica cosa che conta è che trasmetta quello che vuoi trasmettere.
Ah, PER FAVORE, fai che la didascalia sia connessa all’immagine.
BASTA a selfie in bianco e nero con sotto frasi di Voltaire, un po’ di rispetto!

Usa gli hashtag con intelligenza.
Devono avere a che fare con la tua foto, non puzzare di spam e essere morigerati.
Non usare hashtag/frasi del tipo #mangereipizzatuttiigiorni.
Sono TREMENDI, non servono a un accidentaccio di niente e sono tremendi.
Sì, così tremendi che devo ripeterlo tre volte. 

Segui solo profili di persone, pagine che ti ispirano davvero.
Ripeto, Instagram non è Facebook.
Nessuno ti obbliga a seguire la tua compagna del liceo solo perché lei segue te.
Instagram è una fuga in un universo di bellezza e basta.

Interagisci e non per avere più follower e like indietro, ma per il puro piacere di confrontarti, di fare complimenti a un’altra ragazza dall’altra parte del mondo che si è impegnata per fare una bellissima foto al suo gatto mentre prende il sole. 

LASCIA PERDERE le app per ottenere più like, follower e commenti.
Te lo dico con il cuore e te lo dico perché le ho provate, lo confesso.
Qualche anno fa ne ho scaricata una per i follower e una per i like.
Risultato? Il 99% dei follower li ho dovuti bloccare perché erano dei mezzi o completi fake (alcuni persino corredati da inquietanti foto profilo di persone armate, brrr), i like idem.
Non hanno senso, non servono a niente, disturbano il tuo cammino verso la creazione di una community vera che ti voglia bene. 

Tornando ai fake, bloccali appena arrivano.
Bloccali e segnalali per spam a Instagram, sempre.
Bloccali quando ti seguono, ma anche quando fanno like e commenti.
Fallo per proteggere il tuo account, per proteggere quelli degli altri e per avere un’immagine pulita.
(Inoltre sono convinta che siano portatori di bad vibes, oltre che di virus).

Se non ti va che qualcuno commenti una tua foto semplicemente disattiva i commenti.
Magari vuoi condividerla, ma non ti interessa il parere degli altri.
Può succedere, è molto sano e non c’è proprio niente di male. Anzi. 

Dovessero capitarti commenti che ti stanno antipatici, cancellali e basta.
Io di recente ne ho eliminato uno appartenente all’amica di un amico.
Mi dispiace, ma aveva un tono un po’ odiosetto che non mi era piaciuto e non avendo la confidenza necessaria per farlo mi ha irritata.
Sarò suscettibile, ma chissenefrega.
C’è poco da fare: il solo modo per tenere lontane cose negative (anche piccine) e i famigerati haters è farli sparire in una nuvoletta. Pufff.
Senza farla troppo lunga.

Se desideri fare come ho fatto io (e raccontavo QUI) e svuotare tutto il profilo per ricominciare da zero non ti affidare alle app che promettono di cancellare in massa le tue foto.
Non funzionano.
Piuttosto fai così: archivia.
Instagram ti permette di eliminare un tot di foto di seguito (credo 30) e poi devi aspettare.
Per archiviarle invece no!

Sii di ispirazione a te, agli altri, ancora a te.
Cerca la bellezza ed emozionati ogni giorno condividendola!

PS: Hey, i vostri suggerimenti sono attesissimi!

PS II: Il mio rinnovato profilo tornerà bello ciccione di foto a brevissimo, non temete!

📲💫🍀

(Cover image – Sara Ottavia Carolei)

SalvaSalva

SalvaSalva

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.