Tempo immemorabile (Rachel Field)


nessun commento

Ho finito di leggerlo ieri all’ora di pranzo, dopo una full immersion mattutina che non mi ha lasciata staccare dalle pagine neanche per un secondo. 

📚Tempo immemorabile di Rachel Field è un romanzo di formazione edito nel 1935 che valse all’autrice, fino ad allora conosciuta solo come scrittrice per l’infanzia, il primo National Book Award della storia. 

Nelle sue 469 pagine, Tempo immemorabile presenta sì e no cinque avvenimenti importanti eppure riesce a catturare e a farsi divorare come fosse un’avvincente sequela di avventure.
Questa caratteristica è ai miei occhi quella che più lo rende speciale e che ha fatto crescere in me, capitolo dopo capitolo, una grandissima ammirazione per Rachel Field. 

Tutto in questo romanzo si gioca sulle descrizioni.
Nostalgiche, altamente evocative, tanto precise da sembrare illustrazioni raccontate a parole. 

Mentre leggevo non potevo fare a meno di immaginare di disegnare la scena descritta dall’autrice (cosa che penso farò davvero) tanto i dettagli forniti e l’atmosfera evocata concorrevano a costruirla alla precisione nella mia mente.
Forse questa abilità di Rachel Field è dovuta proprio al suo essere prima di tutto una scrittrice di libri per bambini e all’aver quindi di certo lavorato molto con illustratori.
All’interno stesso della storia, poi, i libri illustrati e le illustrazioni hanno un piccolo, ma importante ruolo nel tessere i fili dei ricordi che la protagonista mette insieme.

Ricordi racchiusi in un lunghissimo flash back che copre l’intero libro e nel quale seguiamo la sua vita dai dieci ai trent’anni.
Tutto ha inizio quando Kate arriva con la madre sulle coste del Maine, nella cittadina di Little Prospect, per lavorare nella proprietà della famiglia di armatori Fortune, la cosiddetta Folly.

È proprio dentro e attorno a questa splendida e imponente villa che sovrasta il mare e le isolette vicine, che tutto il mondo di Kate si costruisce.
Il suo rapporto di quasi fratellanza con i due rampolli del maggiore Fortune, Nat e Rissa, le loro scorribande alla ricerca di fragole, le loro gite in barchette improvvisate, i segreti di bambini che crescono con loro.

Una relazione triangolare che però, più passa il tempo e più cose accadono, più perde la purezza e la semplicità che aveva quando erano piccini. 

Così pian piano quello che era in realtà già evidente viene definitivamente alla luce e i meccanismi che intercorrono tra loro si complicano sempre più. 

La maggior parte della vita di Kate scorre tra le occupazioni domestiche raccontate con una dovizia di particolari che personalmente ho amato molto (mi piace sapere come e cosa si cucinava all’epoca in quei luoghi, cosa era uso fare, quali abitudini avevano) e piccole avventure che si risolvono quasi sempre per la meglio.

Una volta cresciuta, i punti di stacco della sua quotidianità sono rappresentati dai ritorni alla Folly dei due fratelli ai quali Kate guarda con un amore sincero. 

Un amore che, nei confronti di Nat, va molto al di là di quello che si prova per un amico col quale si è cresciuti e che rappresenta forse l’unico punto profondamente passionale e irrazionale della protagonista.

Il carattere di Kate è forte e stabile, ha una visione della vita molto chiara sin da piccola e fa della lealtà e della semplicità i suoi fari maestri.
Fari che la guideranno in mari in tempesta, gli stessi mari che bagnano tutte le pagine del libro, intrise di salsedine e schizzate dalle alte onde delle burrasche di inverno. 

Un altro aspetto che ho amato moltissimo di Tempo immemorabile è proprio questo continuo riferimento, metaforico e non, al mare.
Essendo i Fortune una famiglia di armatori e la loro casa su una scogliera, moltissimo, se non quasi tutto in questa storia è legato appunto al mare.  

A mano a mano che Kate, Nat e Rissa crescono, che i rapporti tra loro cambiano e che ne nascono e muoiono di altri, anche la loro cittadina Little Prospect muta rapidamente riempiendosi di anno in anno di nuove ville per i forestieri che la sfruttano come meta di villeggiatura. 

Mentre tutto o quasi cambia, Kate con la sua solidità si erge a muro portante della Folly e di quelle memorie di un tempo paradossalmente immemorabile che conserva tra le sue pareti. 

Se la sua devozione incondizionata per quella famiglia a tratti mi ha irritata, devo ammettere che ho trovato in lei un personaggio di una intensità inusuale. Proprio perché non la si vede mai lamentarsi, né perdersi in ghirigori mentali tipici di molti romanzi di formazione, l’ho trovata anche originale.

Kate è infatti una bambina, poi ragazzina, poi donna che sa quello che è per lei giusto e sbagliato, che non giudica né se stessa né gli altri e che mantiene il proprio centro sempre ben posizionato. 

Sin da subito si capisce che sa badare a se stessa, che sa quello che fa e che a differenza di ciascun membro della famiglia Fortune nato e cresciuto con il mare dentro, lei sarebbe forse la sola a poter governare anche le più alte e violente onde.
Cosa che, in più di una situazione anche altamente tragica, dà prova di saper fare. 



Perdonate la lunghezza di questo post, ma ho veramente una marea (per restare in tema) di pensieri riguardo a questo romanzo e non ve li sto raccontando nemmeno tutti! 

Spero di avervi incuriositi e spinti a leggerlo, perché personalmente credo che Tempo immemorabile meriti molto  più di quanto gli è stato dato a livello di fama e interesse fino a ora. 

Se lo leggerete fatemelo sapere e se lo avete già letto, beh, cosa aspettate a dirmi la vostra?

⚓️

[Cover Image: Sara Ottavia Carolei]

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.