Writing

Amelia M. <3

Cercherò di limitarmi, perché se iniziassi sul serio a parlare del mio libro probabilmente mi scapperebbero troppi dettagli. Che è un giallo lo sapete già. Che è l’inizio di una serie anche.
Che contiene un generosissimo tocco di magia e paranormale forse lo immaginavate e basta. 

Nell’editoria anglofona esiste un sotto genere ben preciso che lo rappresenta alla perfezione:
Cozy Paranormal Mystery.
Per “Cozy Mystery” si intendono tutti quei gialli, da Agatha Christie in poi, dove in sostanza niente è truculento e l’ambiente di sfondo è più importante dei delitti in sé (approfondiremo meglio) e per “Paranormal” va beh, non serve una traduzione.
Un Cozy Paranormal Mystery è un romanzo giallo leggero, con un’ironia non pungente che sdrammatizza il racconto e dettagli di ambientazione &Co. che lo rendono rassicurante anche nei passaggi più tesi.
È un thriller addolcito che contiene sapienti tocchi di soprannaturale, dove le indagini sono spesso condotte da una protagonista femminile che si ritrova a investigare senza essere ella stessa di mestiere investigatrice. 

Il nome della mia, di protagonista, è Amelia. Il suo cognome inizia con la M. ma per ora è meglio che non lo conosciate per intero.
Amelia e le avventure che si ritrova ad affrontare racchiudono tutto ciò che ho sempre desiderato leggere in un romanzo e che solo a pezzettini ho incontrato in quelli che mi sono piaciuti di più.

È normale, perché io sono io, ho i miei gusti unici e la mia unica storia.
Che nessuno potrà mai rappresentare meglio di me. “Se non lo trovi sugli scaffali, scrivilo tu!” è infatti il mio consiglio preferito. 
Un consiglio che ho seguito di cuore, di pancia, di anima e di testa e grazie al quale anche dopo la decima (ma che dico, almeno trentesima) rilettura prima dell’invio, Amelia non mi annoia. Al contrario! 

Arrivata a questo punto le falsità di circostanza le lascio a chi non ha mai davvero lavorato sodo.
Io per completare questo romanzo ho investito (con immensa gioia) tutto il mio impegno e molto di più. Tantissimo studio, una marea di ricerche su luoghi, persone, situazioni, scene, particolari…
Un’infinità di ore a compilare schede descrittive, stendere biografie e backstory, realizzare interviste reali e immaginarie. 

Nel mio libro ho messo le mie conoscenze di arte, antichità e soprannaturale (che considero davvero preziose) e non ho nessuna voglia di sminuirlo con della triste modestia.
Mi batto invece un cinque alto da sola e mi dico che sono super fiera di me, di Amelia, di tutto ciò che ci circonda. Vada come vada.

I prossimi step sono un mistero tanto grande quanto quello della storia e la cosa non mi spaventa affatto. Perché già sapete anche questo: i misteri sono il pan brioche della mia vita. 

———————————————————————————————-

*Sara Ottavia Carolei

{Cover Image: Sara Ottavia Carolei/Instagram}

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.