Antiques/History/History of Art/Writing

Divulgazione, ma che significa?

Ne parlo spesso, uso il termine “divulgazione” come hashtag su Instagram molto di frequente e come me lo fanno tanti tanti altri che se ne occupano.
Ma che significa, esattamente, “divulgare”?

Da vocabolario “il rendere noto a tutti”.
Da dizionario etimologico “composto da DI(S) in diverse parti e VULGARE parlare tra il volgo”. 

L’atto della divulgazione consiste nel prendere un concetto, una nozione, una conoscenza e operare una traduzione in un linguaggio semplice, fruibile, che possa arrivare a tutti.
Che poi, per come la vedo io, questi tutti non siano proprio tutti è un’altra faccenda. 

Il fulcro rimane lo stesso e lo spirito della divulgazione anche.
Condividere, fare arrivare, mettersi d’impegno perché la cultura non resti circoscritta ad aree di nicchia ma possa toccare più esseri umani possibili. 

Attenzione però!
Il fatto che ci si rivolga a pubblici non per forza eruditi richiede una accuratezza se possibile ancora maggiore. La responsabilità di noi che divulghiamo è alta. Altissima.
Io ho studiato e continuo a studiare, ho nelle mie mani strumenti altamente specializzati, so di cosa parlo. Proprio per questa ragione è importante che la mia voce sia chiara, che le informazioni che trasmetto siano precise. 

Uno dei corsi più interessanti che ho seguito anni fa durante il mio master all’ESJ di Parigi si incentrava proprio sul controllo delle fonti. Un controllo che deve essere al limite del maniacale e che deve avere, come diceva la mia professoressa, lo scopo primario di rispettare il destinatario della divulgazione. 

Dietro ai post che leggete qui sul blog, a quelli su Instagram e nelle storie c’è infatti tanto tanto lavoro. Molto più di quello che potreste mai immaginare.
Rileggo decine di volte un articolo, una didascalia prima di pubblicarli. Controllo di avere scritto tutto giusto attingendo ai miei archivi di studio e alle mie fonti anche quando si tratta di argomenti sui quali mi sentirei sicurissima. Poi certo, qualche errore può sempre scappare, ma diciamo che impiego un grande sforzo per arginarli.

Per divulgare mi aggiorno costantemente, non smetto mai di studiare, ripasso, svolgo ricerche, mi confronto.

Nel mio piccolo sento davvero un grandissimo senso di responsabilità.
Ci tengo che chi mi legge sappia di potersi fidare di me. Che vi sentiate al sicuro, soprattutto in un mondo spesso tristemente annebbiato da fake news e da diffusioni di informazioni &Co. quantomeno approssimative e raffazzonate. 

Approfitto di questo post per ringraziarvi con un gigantesco abbraccio virtuale per l’affetto e la fiducia che riponete in me e nei miei canali.
Ogni giorno crescete e io ne sono felicissima e immensamente grata!
In cambio, vi prometto che investirò sempre più amore ed energie per portarvi contenuti di qualità.


☀️🏺📜

{Cover Image: Sara Ottavia Carolei/Leone, Flaminio Vacca, 1594-/98, Loggia dei Lanzi – Firenze/Instagram}

*Sara Ottavia Carolei

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.