Ancient Egypt/Magic & Esoteric

Magia di tutti i giorni nell’Antico Egitto: le ciotole per bambini con potere di protezione

AnticoEgitto-Ceramica-MedioRegno-MetMuseum-SaraOttaviaCarolei-BLOG

La magia non è qualcosa che si pratica solo in occasioni speciali, con cerimonie complesse, in luoghi deputati. La magia è anche e soprattutto di tutti i giorni e lo sapevano bene gli antichi egizi.

Nella terra dei Faraoni la magia non era distinta dalla religione. Erano una cosa sola, unite, indistinte.
Il termine heka era quello che la identificava e a sua volta identificava una delle divinità astratte dell’ampissima lista di Dee e Dei. 

La magia la praticavano tutti senza distinzione di classe sociale, di occupazione.
Dal contadino allo scriba, dall’alto funzionario al Faraone il quale era contemporaneamente il più grande dei maghi, colui che poteva parlare con gli Dei, l’intermediario tra terra e cielo e… esso stesso una sorta di divinità. Davanti agli Dei aveva il privilegio di comparire della medesima statura e il palazzo reale dove risiedeva era considerato “la grande casa”. 

La casa, nell’Antico Egitto, era grande anche nel suo piccolo ed era in casa che ogni giorno ogni egizio praticava la sua venerazione e domandava benedizioni e protezione.
Le abitazioni dei più abbienti avevano un loro piccolo santuario, ma non era solo in questo santuario che la pratica magico-religiosa prendeva forma perché come già detto la magia era di tutti, per tutti, sentita da tutti. 

I rituali domestici avevano molta importanza, immagini di divinità proteggevano le mura e i suoi abitanti.
Scendendo ancora di più nelle piccole cose della vita quotidiana, tanti erano gli oggetti che avevano funzioni magiche tutt’altro che banali. 

Un esempio è questa graziosa ciotolina in faience risalente al Tardo Medio Regno, XII-XIII Dinastia (tra il 1850 a.C.  e il 1700 a.C.) piccola e con il suo beccuccio, studiata per dare il latte ai bambini e oggi conservata al Metropolitan Museum di New York.
I decori che rappresentano divinità, demoni, un leone che cammina e uno che si regge su due zampe, una tartaruga, un serpente… avevano infatti una funzione protettiva nei confronti del bimbo stesso che si nutriva usando questa ciotola. 

Non la trovate una cosa adorabile?
Io da matti e penso che questo concetto sia super importante, che ci possa ispirare e servire ancora oggi, qualsiasi sia la magia nella quale ci piace credere, qualsiasi siano le nostre certezze. 

Ecco perché continuerò a parlarvi di “magia di tutti i giorni nell’Antico Egitto” in una sorta di rubrica che inauguro oggi. 😊

———————————————————————————————-

👁🐈🙏🏻

{Cover Image: Public Domain* courtesy of Metropolitan Museum of New York, modificata da meAnticoEgitto-Ceramica-MedioRegno-MetMuseum-SaraOttaviaCarolei-BLOG}

*Sara Ottavia Carolei

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.