Writing

Self Publishing: perché sceglierlo

Felice lunedì, meraviglie! Qualche settimana fa ho fatto un giro di domande e risposte (tema il mio percorso nella scrittura) nelle storie di Instagram. Moltissimi quelli che mi hanno chiesto spiegazioni riguardo alla mia volontà di essere un’autrice indipendente. In questo post, oggi, ho pensato di condensare le motivazioni principali che mi hanno portata al Self Publishing e perché, secondo me, ha senso sceglierlo. 

LA TOTALE LIBERTÀ EDITORIALE

Ho cominciato a pubblicare con la serie I misteri di Amelia Montefiori e volevo impostarla come pareva a me, in ogni dettaglio. Dai nomi dei personaggi alle ambientazioni, dai titoli alle tagline, dal carattere all’impaginazione.
Adesso sono andata avanti con un nuovo romanzo fuori dalla serie (in arrivo il 22 novembre) e mi ritrovo a fare lo stesso ragionamento. Desidero che la copertina sia come la ho in mente (ecco perché la realizzo direttamente io ahah), che i capitoli siano quelli, che esca quel giorno, ecc. E voglio che, nel globale, il mio calendario editoriale rispetti i miei tempi e le mie necessità. 

I GUADAGNI MAGGIORI NEL LUNGO PERIODO

È vero che le case editrici hanno una maggiore distribuzione, ma le royalties di certo non raggiungono il 60-70% come nel caso di KDP. Nel lungo periodo, un’autrice/un autore indipendente di successo guadagna cifre molto più interessanti. Già lo vedo io dopo un anno e due romanzi pubblicati!

LA FLESSIBILITÀ

Posso scegliere di anticipare una pubblicazione, di invertire uscite che ho in programma nel mio calendario editoriale, di organizzare presentazioni dal vivo o di evitarle. 

UN TEAM DI LAVORO CHE TI RAPPRESENTI 

Editor, correttore di bozze, beta reader, grafici e illustratori per la copertina… Con il Self Publishing li ho selezionati io (grafica e illustrazione sono opera mia) e non potrei essere più felice. Sono tutte persone che riflettono alla perfezione la mia missione. 

LA RESPONSABILITÀ 

Sembrerà assurdo, ma a me piace prendermi le mie responsabilità. Mi piace sapere che non ho nessuno che mi copra le spalle se in un mio romanzo sbaglio a nominare un personaggio realmente esistito o se involontariamente offendo qualcuno. Sono io che scrivo, sono io che mi assumo gli onori e gli oneri. Questo mi fa sentire libera e adulta.

ESSERE PADRONI DEL PROPRIO DESTINO

In conclusione, dolcezze, grazie al Self Publishing io ho in mano il mio destino. Non dipendo da nessuno se non dalle mie parole e dalle mie storie. Poi arrivate voi lettori e decidete se ciò che ho pubblicato risuona o meno con la vostra anima e lì si apre un nuovo capitolo.

Cosa ne pensate? Ci sono tra di voi autori indipendenti?
Avete domande da farmi e/o volete raccontarmi la vostra esperienza e condividere il vostro parere qui con me? Coraggio, è uno spazio sicuro senza giudizi!

———————————————————————————————-

Un abbraccio magico a voi! 

✍🏼💗📚

{Cover Image: Sara Ottavia Carolei}

*Sara Ottavia Carolei

💌 Ti è piaciuto questo post? Lo hai trovato utile? Condividilo sui social e lascia un commento.
Il tuo supporto è prezioso! 🙏🏼

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.