Writing

La mia sola e unica regola di scrittura

Buongiorno anime, la settimana scorsa su Instagram vi ho chiesto quale fosse secondo voi una regola di scrittura imprescindibile e ho promesso che vi avrei detto la mia. Dunque, eccomi qui!

Quando parlo di regole di scrittura non mi riferisco tanto all’organizzazione del lavoro (es: fare o non fare scalette; effettuare le ricerche prima o durante…) Se parliamo di aspetti tecnici, di regole mie ne ho diverse, ma stavolta mi riferisco a qualcosa che supera gli aspetti tecnici e va al di là.

La mia sola e unica regola di scrittura, quella maestra che mi guida è: SCRIVI CIÒ CHE VORRESTI LEGGERE. 

Vi sembra così scontata? Credetemi, non lo è affatto.
Capita spesso infatti che chi scrive si preoccupi molto di ciò che “si dovrebbe scrivere” e di “come lo si dovrebbe scrivere” e ancora di “cosa penserà chi lo legge” anziché concentrarsi sui propri lettori ideali.

E chi è il primo lettore ideale se non colui che quella storia la sta scrivendo? 

In giro, che sia nei manuali o sul Web, si trovano spesso ferrei regolamenti che in maniera più o meno sottintesa vietano alle autrici e agli autori di compiere certe presunte nefandezze e spingono ad adeguarsi a standard che invece dovrebbero rappresentare la scrittura ideale. 
Attenzione, lungi da me calpestare secoli di studio di tecniche narrative. Io stessa ho un master alla ESJ di Parigi in giornalismo, divulgazione culturale e storytelling grazie al quale ho appreso molto.

Trovo però che sia pericoloso inscatolarsi in regole cementificate e così precludersi la possibilità di lavorare a un testo con apertura e amore. È chiaro che, prima di prendersi le proprie libertà, è bene conoscere le basi e soprattutto è bene essere consapevoli di ciò che si fa.

Tornando a quanto appena detto, ecco perché ho studiato prima di fare di testa mia. 

Bene, adesso volete esempi pratici? Et voilà. 

✍🏼💗 Sono una grande fan delle descrizioni. Non mi annoio quando in un romanzo ci sono lunghe descrizioni e dunque per coerenza descrivo con una certa dovizia di particolari. 

✍🏼💗 Amo gli aggettivi, amo la cosiddetta “prosa viola”. Mi hanno spesso accusata, anche quando pubblicavo con magazine, di essere un po’ barocca nella mia scrittura e di questa critica vado davvero fiera! Se trovo una serie di aggettivi in fila che mi piacciono in un libro mica mi scandalizzo, anzi. E così anche io, quando scrivo, li uso senza timore. 

✍🏼💗 Sono grata di incontrare in un libro, in particolare se la trama è complessa, almeno uno “spiegone”. Dunque anche nei miei romanzi li trovate e credo ne troverete anche in futuro. 

✍🏼💗 Mi piace conoscere a fondo i protagonisti, soprattutto quando si tratta di saghe o serie. Mi piace entrare nelle loro vite, nella loro quotidianità. Lo stesso faccio io e talvolta vi racconto anche momenti leggeri che servono per farvi entrare in sintonia con loro. 

✍🏼💗 Saranno stati gli anni di lavoro nella moda, ma io adoro quando mi vengono riportati i look dei personaggi. Ecco perché, in particolare di Amelia Montefiori, saprete quasi sempre cosa ha indosso. Vi svelo anche un piccolo segreto: i vestiti dei miei personaggi spesso hanno un significato simbolico e sono collegati alla palette cromatica del romanzo. 

✍🏼💗 Le parolacce mi stanno antipatiche. A mio parere non esiste mai davvero la necessità di usarle e posso assicurarvi che le eviterò sempre a ogni costo nei miei libri. 

Potrei andare avanti all’infinito e magari ritornerò su questo argomento, ma immagino abbiate capito cosa intendo quando dico che la mia sola e unica regola di scrittura è scrivere ciò che voglio leggere. 

———————————————————————————————-

Un abbraccio magico a voi! 

✍🏼💗

{Cover Image: Sara Ottavia Carolei}

*Sara Ottavia Carolei

💌 Ti è piaciuto questo post? Lo hai trovato utile? Condividilo sui social e lascia un commento. Il tuo supporto è prezioso! 🙏🏼

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.