Brownies su piatti dorati

La prima volta che ho mangiato i brownies ero appena arrivata a New York.
Brownies alla menta, che ancora non so dire se mi fossero piaciuti o no. Negli anni sono seguiti innumerevoli assaggi, di ogni genere di brownies, ma non avevo mai provato a farli con le mie mani. Fino all’altra sera, ed è stato semplice! La ricetta che vi dò (per brownies classici) è il risultato di un po’ di ricerche e di un solo esperimento.
Un esperimento riuscito, che meritava un piatto dorato, ma i prossimi brownies li cuocerò un po’ meno rispetto ai tempi medi indicati. Forse è il mio forno, forse no. Vedremo! 

💗 Indossate il vostro grembiule più carino e seguitemi in cucina! 💗

Scopo magico: Liberare il nostro potenziale*
Portata: Dolce
Ingredienti
150 gr. di cioccolato fondente

50 gr. di cacao amaro in polvere
200 gr. di burro
150 gr. di zucchero di canna
100 gr. di farina 00
4 uova a temperatura ambiente
3 gr. di lievito in polvere
1 pizzico di sale 

Come fare
Tagliate il cioccolato a cubetti, idem per il burro freddo da frigorifero. In una casseruola, a fiamma dolce, fateli fondere insieme e mescolate con un cucchiaio di legno mentre si sciolgono. Togliete la casseruola dal fuoco e lasciate intiepidire il composto. In una ciotola capiente, intanto, lavorate le uova con lo zucchero e il pizzico di sale. Aggiungete il cacao amaro, la farina e il lievito tutti setacciati. Infine il cioccolato e il burro fusi. Il risultato deve essere omogeneo, naturalmente. Versatelo in una teglia rettangolare di circa 23 cm di larghezza, foderata con carta da forno. Attenzione! È importante che la carta da forno aderisca bene: io la taglio della giusta misura, bagno il fondo della teglia prima di stenderla e assicuro i bordi con delle mollette di alluminio (quelle che si usano per tenere insieme i fogli).

Cuocete nel forno statico, già caldo a 180°.

Questione tempistiche: nella maggior parte delle ricette ho letto di cuocere i brownies dai 35 ai 40 minuti, ma io invece opterei per 30 al massimo. Come dicevo in apertura del post, forse è il mio forno. Forse no!

*Il cacao è un alleato favoloso, se gestito nel modo giusto. Le culture mesoamericane, come quella Maya e Azteca,  lo consideravano sacro. Veneravano Ixcacao, la Dea del Cacao, e usavano questo magico ingrediente durante i rituali. Energizzante, afrodisiaco, stimolante di visioni. Ecco perché io il cacao lo vedo perfetto, sotto forma di brownies, come aiuto per liberare un potenziale nascosto.

———————————————————————————————-

Un abbraccio magico a voi! 

🤎

{Cover Image: Sara Ottavia Carolei}

*Sara Ottavia Carolei

Condividi con noi il tuo sentire! 💟